Loading...

sabato 30 aprile 2011

Assignment 6bis: Non è roba da hacker

Quasi dimenticavoooooo:

Ho concluso il post precedente (che non linkerò qui, perchè mi sembra un'inutile nerdata... nel caso basta scorrere la pagina verso il basso -.-'') citando l'inconveniente dei copyright che non permettono di aprire la maggior parte delle pubblicazioni di http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/. purtroppo non mi sto rimangiando l'affermazione: il blocco esiste sul serio, a meno che non abbiate tutti quanti voglia di pagare salati abbonamenti a riviste di cui, molto probabilmente, non usufruirete che una volta nella vita (magari mentre sfogliate un articolo che non risulta neppure contenere quel che cercavate)... ecco questo ostacolo può essere aggirato piuttosto comodamente con i proxy.

Che cosa sono esattamente? immagino di essere la persona sbagliata per poterlo spiegare (a questo proposito esistono pur sempre google, wikipedia & co..) ma ho compreso una cosa: non è roba da hacker!!
vi sembrerà assurdo, ma fino a qualche giorno fa ero convinta che potersi collegare entrando in una rete di computer chiusa, per esempio quella dell'università, costituisse una sorta di spionaggio... e invece mi sbagliavo: perfino una semianalfabeta come me è in grado di farlo! chiaramente non sto parlando di consultazione di dati personali, sottrazione di materiale o fantascienza simile, semplicemente è possibile non recarsi in biomedica per collegarsi al proxy dell'università. insomma il proxy è il "computer" a cui fanno riferimento tutti i pc dell'università, quello che filtra e impedisce di entrare su facebook dalle postazioni fisse di Morgagni, per intenderci... chiaramente lo scopo non è quello di usare la propria matricola e password (per quanto dalla mia personale esperienza posso assicurarvi che esistono persone davvero felici anche solo di inserire questi dati.. bah..) ma è la possibilità d'oro di poter sfruttare gli abbonamenti che l'università ha stretto con determinate riviste scientifiche.

Chiaramente neppure in questo modo sarà possibile avere una visione completa di tutte le pubblicazioni e non entrerò nel merito della discussione sui diritti (da un lato quelli di chi si è fatto un culo così, e scusate l'espressione, per scoprire e redigere un testo su qualcosa di nuovo e dall'altro il popolo di quanti "vogliono sapere" e ritengono che anche questo sia un loro sacrosanto diritto... anche qui bisognerebbe cercare un giusto mezzo???), però poter cambiare alcune semplici impostazioni di connessione anche se non è come fare un bel goal a porta vuota, corrisponde pur sempre a un bel rigore guadagnato. ora basta tirare...

Nessun commento:

Posta un commento